Prima squadra - 01 feb 2024

Davidone è già Golia

Costa, il portierone giallorosso determinante nella stagione boom del Bassano

Davidone è già Golia

Davide pare Golia.
Ci sono le paratissime di Davidone Costa nella straordinaria stagione del Bassano, matricola della D che sta recitando da rivelazione dell'annata. Costruito per salvarsi anche all'ultimo tuffo, il Bfc procede addirittura a febbraio in piena zona playoff.
E in questa escalation c'è molto delle manone del guardiano nato e cresciuto in casa.
Alla soglia dei 28 anni, il ragazzone bassanese è un fattore che sposta gli equilibri.
"Per uno come me che vive questa maglia come una seconda pelle, giocare per la mia gente e con questi colori non ha prezzo - ammette il numero uno di Bassano - non ho mai nascosto il desiderio di proseguire e magari chiudere la carriera qui.
È il mio sogno".
Per chi, partendo dal Bassano, è poi sbocciato nella Primavera dell'Inter, allenato dal Giaguaro Castellini, icona dell'ultimo Toro scudettato del '76, passando per le esperienze professionistiche in B e C con Vicenza, Gubbio, Francavilla e Rieti, Bassano è il porto della tranquillità.
"Al Mercante ho fatto in tempo a debuttare in C prima di girare l'Italia - racconta il diretto interessato - esserci tornato lo scorso anno e vincere il campionato di rincorsa in quella maniera così esaltante è stato magnifico. Nelle ultime due stagioni ho vinto due promozioni di fila con Giorgione e Bassano e adesso questo campionato pazzesco vissuto a ridosso delle primissime, il massimo".
La famiglia come punto fermo, i figli Leonardo, che a 6 anni lo segue spesso allo stadio e la piccola Zoe come colonne portanti della sua vita assieme alla compagna Gloria: Davide ha spiccato il volo da un pezzo, non solo tra i pali.
"Perchè qui è l'ambiente giusto, non solo perchè sono a casa - sottolinea - il rapporto speciale coi tifosi, dai Fedelissimi al Gruppo Grappa - alla fine sono innanzitutto degli amici. Poi la chimica speciale che si è creata in spogliatoio dove si respira un'atmosfera invidiabile e c'è un'armonia unica. Che poi da due anni è alla base del nostro percorso. Un nucleo di ragazzi su cui poter impostare il futuro e prendersi nel tempo parecchie soddisfazioni. Sono convinto che la società ne sia consapevole e in estate opererà in questa direzione". E dire che il cammino lo scorso luglio era lastricato di difficoltà.
"Già - riconosce Davide - l'accordo sfumato con Cartigliano ed Eurocalcio ci ha costretto a ripartire per ultimi. Un ritardo che però abbiamo colmato lo stesso brillantemente sul campo". Domenica al Mercante alle 14.30 compare il tostissimo Dolomiti Bellunesi, formazione che precede in classifica i giallorossi di due lunghezze. "All'andata a Belluno ci hanno beffato al 96' - riavvolge il nastro Costa - ora ci piacerebbe provare a festeggiare noi. Sarà durissima perchè loro sono forti davvero ma magari stavolta l'episodio lo portiamo dalla nostra parte.

La salvezza?
In teoria indicativamente mancano 8 punti e tiriamo a farli più rapidamente possibile, anche se nel ritorno è tutto più complicato. Poi, una volta raggiunta la quota, cercheremo di restare in alto finchè si puó perchè lassù si sta proprio bene".
E Davide invece si merita di agguantare prima o poi quel rigore sempre sfiorato sinora. Li ha tutti intuiti, smanacciati, toccati ma non ancora acchiappati. Per un niente. Occhio al prossimo.

Il tiratore dorma preoccupato...

Notizie correlate

17 giu 2024

Nuova era in casa FC Bassano

16 giu 2024

Bassano saluta Sandrini, Zuin e Chia

01 giu 2024

PONTAROLLO SI CONGEDA DAL BASSANO

#forzabassano

Condividi il tuo tifo e la tua passione per il Bassano

Main Sponsor